Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone Brown/Grey Nubuck

B00JS9EMVC

Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck)

Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck)
  • Materiale esterno: Pelle
  • Fodera: Sintetico
  • Materiale suola: Gomma
  • Chiusura: Stringata
  • Altezza tacco: 2 cm
Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck) Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck) Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck) Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck) Gabor Tote, Scarpe basse stringate donna Marrone (Brown/Grey Nubuck)

Votazione storica che rende possibile la piena parificazione delle unioni omosessuali con i matrimoni eterosessuali. La cancelliera: «Per me le nozze sono tra uomo e donna»

di Elena Tebano
shadow
31
4198
8
Sprichwörter

«Matrimonio per tutti»: ci sono voluti 38 minuti di dibattito stamani al parlamento tedesco per votare la legge che apre anche alle coppie dello stesso sesso la possibilità di sposarsi. Le nozze gay arrivano a 16 anni dalla legalizzazione delle unioni civili. Sono stati 393 i voti a favore, 226 i contrari e 4 gli astenuti su 623 votanti. La cancelliera Angela Merkel ha votato no, dopo però aver lasciato libertà di voto ai membri del suo partito, la Cdu. «Per me il matrimonio è fondamentalmente un’unione fra uomo e donna, e per questo ho votato contro» ha detto. «Spero che il voto di oggi non solo promuova il rispetto delle differenze, ma porti anche più coesione sociale e pace» ha aggiunto.

Una scelta politica

L’approvazione lampo del Bundestag è arrivata dopo che lunedì a sorpresa durante un incontro organizzato dal magazine «Brigitte» la cancelliera si era detta a favore del matrimonio egualitario: una dichiarazione letta come un tentativo di togliere terreno a verdi e socialdemocratici che, in vista delle elezioni del 24 settembre, avevano affermato di non voler firmare nessun accordo di governo che non prevedesse le nozze gay. Nei giorni scorsi verdi, Spd e Linke (il partito di estrema sinistra) hanno così rilanciato, approvando in Commissione per gli affari giuridici del Bundestag il via libera all’esame in aula del disegno di legge sul «matrimonio per tutti» bloccato in commissione dal 25 settembre 2015. Una mossa che ha spiazzato Merkel: la cancelliera li ha accusati di aver imposto una forzatura «non necessaria» su un tema che richiedeva una discussione più approfondita.

L’adozione

Fino alla campagna elettorale del 2013 Merkel aveva affermato di essere contraria al matrimonio gay «per il bene dei bambini». Oggi ha spiegato che non è stata la questione adozione a determinare il suo voto contrario, di aver cambiato idea negli anni e di essere giunta alla conclusione che per le coppie dello stesso sesso «dovrebbe essere possibile la piena adozione», cioè congiunta. Oggi in Germania per le coppie gay è già legale in base a due sentenze della Corte costituzionale l’adozione co-parentale (quella che viene comunemente chiamata stepchild adoption) e l’adozione «successiva», cioè del figlio adottivo del partner.

In  Guinea Bissau , mentre i prezzi delle uova importate raddoppiano, quelli delle uova prodotte localmente dal centro di promozione avicola  CEDAVES  avviato da  Mani Tese , per fortuna, restano invariati. Ad aprile il CEDAVES ha inoltre inaugurato  un nuovo punto vendita , dove tutta la popolazione del quartiere di Antula di Bissau ha ora la possibilità di reperire a prezzi contenuti i prodotti locali del centro fra cui uova, pulcini, polli, mangimi e materiale vario per l’allevamento e l’agricoltura. Il negozio, alimentato esclusivamente da pannelli solari, sta già intraprendendo accordi con associazioni di produttori e ONG per diversificare e aumentare ancora di più la gamma di beni venduti.

Essere indipendenti in termini alimentari significa essere liberi. Per questa ragione, vogliamo lavorare per l’autoproduzione e per la sovranità alimentare, che è oggi una delle priorità della Guinea Bissau ”. È così che  Alfredo Cà, il coordinatore locale del progetto promosso da Mani Tese in Guinea Bissau “Nó pui asas pa disinvolvimentu ”, nel 2015 si presentava al documentario Guinendadi.

Copyright 1997 - 2017 Audible GmbH Condizioni d'uso Informativa sulla Privacy Cookie e Pubblicità su Internet